Intrvista – Domande “sComode” a Francesca Zaccarelli

21 luglio 2017

Share on Facebook25Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Uscito il 7 luglio in radio il singolo d’esordio della giovanissima artista Francesca Zaccarelli, 123456, un reggaeton che profuma d’estate. Ho voluto quindi sottoporle, per AgorArt una breve intervista di 5 domande proprio sul suo singolo. Si tratta sempre delle mie domande leggermente scomode.

1. Come nasce il pezzo 123456?
Il pezzo nasce dalla collaborazione con un’artista italo/messicana Concetta Costanzo, conosciuta grazie a Loris Ceroni, il mio produttore artistico. Inizialmente il pezzo 123456 era scritto in spagnolo e io mi sono occupata della traduzione in italiano.

2. Hai scelto il reggaeton come stile musicale, non ti da fastidio che possa finire nelle balere?
No, in realtà alla fine a un artista non interessa il target che si colpisce, ma se piace anche a loro per me va bene.

3. Quando uscirà il tuo disco?
Ora come ora non ho anticipato nulla, posso solo dire che c’è qualcosa che bolle in pentola.

4. Preferiresti il successo lampo del singolo oppure una durevolezza maggiore?
Il progetto di lancio che ho intrapreso non prevede il tormentone estivo in sé, ma una serie di piccoli passi per arrivare a un successo durevole nel tempo.

5. Chi sono i tuoi artisti di riferimento?
Ascolto di un po’ di tutto. I miei pilastri però sono stati Christina Aguilera e Byonce.

Civins

Share on Facebook25Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Tag:, , , , , , , , ,