La voce del vento di Amanda Foley – Recensione

30 novembre 2018

È disponibile in una nuova edizione La voce del vento di Amanda Foley, un romance storico ambientato alla fine dell’Ottocento, già edito nel 2014 quando inaugurò l’apertura della collana digitale Youfeel Rizzoli.

La trama
Inghilterra 1882. La giovane Kitty Reed, sopravvissuta a un naufragio e a una serie di dolorosi lutti familiari, trascorre le giornate nella dimora estiva di famiglia che condivide con l’eccentrica e riservata zia Lavinia, con lei unica superstite della sua famiglia. Animata da mille progetti, una sera a un ballo incontra Richard, duca di Lansbury, un uomo più vecchio di lei, ma molto affascinante che le fa ritrovare la voglia di amare.

Ma la felicità ha il suo prezzo, soprattutto quando si custodisce un segreto che inevitabilmente emerge, in un gioco crudele del destino. Affrontare il passato una volta per tutte, le servirà a comprendere che nella vita è possibile realizzare sogni e ideali solo se ci guardiamo dentro e comprendiamo chi vogliamo essere.

L’autrice – Amanda Foley
Amanda Foley debutta nel 2004 con due elaborati: Uomini istruzioni per l’uso e La fatica di essere mamme pubblicati dal Messaggero. Nel 2005 esce il suo primo storico con il titolo: L’ha deciso il mare edito da I Romanzi Mondadori. Nel 2010, con il racconto breve, Al di là delle favole entra a far parte dell’antologia I Colori DelleDonne. Dopo La voce del vento (2014) sempre per la collana digitale Youfeel Rizzoli, nel 2015, pubblica Il mio abito dei sogni ha il velo bianco.
Nel marzo 2018, con una nuova veste grafica e il titolo come da manoscritto originale, pubblica la seconda edizione di Quando una nave si incaglia l’ha deciso il mare edita dalla Literary Romance. Inizia la collaborazione con l’autrice Simona Friio e a metà aprile 2018 pubblica in selfpublishing la commedia ironica Una m@il di troppo a cui segue C’era una volta…ma anche no!
Nel maggio 2018, con una nuova cover e arricchito di contenuti inediti, esce in seconda edizione AAA Abito da sposa cercasi.

Recensione
Kitty è una figura controcorrente rispetto ai suoi tempi e anche ad altri personaggi di romance simili. Non intende adagiarsi nell’ozio e la civetteria dei salotti della società dabbene, ma vuole contribuire in qualche modo a migliorare il mondo, seguendo l’esempio della cugina Samantha che ha spezza le convenzioni dedicandosi all’istruzione pubblica dei ragazzini appartenenti ai ceti più poveri e ha una figlia fuori dal matrimonio per sposare poi un uomo che non è neanche il padre della sua bambina. Kitty vuole scrivere , scrivere qualcosa di importante e vuole vedere il mondo quello vero da vicino, così si avvicina all’esperienza della cugina e all’insegnamento seppure per un breve periodo.

Ma perché è controcorrente rispetto a personaggi simili? Perché in genere c’è si percepisci quasi una netta coloritura nella caratterizzazione dei personaggi: nel momento in cui la trama si intreccia, una donna genuina, dallo spirito candido, sarà del tutto estranea alle vicende amorose, o viceversa chi ha già vissuto delle traversie amorose, sarà più smaliziata, dura con il mondo e a volte malinconica. Kitty ha quelle sfumature che la rendono genuinamente verosimile e umana, l’esperienza d’amore vissuta in passato – malgrado sia uno schiaffo all’etichetta per una giovane fanciulla di buona famiglia che non ha ancora mosso i suoi passi in società – non la priva del suo candore, della luce ridente nello sguardo che guarda al mondo ancora positività, nonostante una parte del suo cuore sia stata chiusa a chiave con il suo inconfessabile segreto. Ed è ancora più umana nel commettere i propri errori, seppure naturalmente criticabile (non posso scendere nel dettaglio della sua colpa per evitare lo spoiler, ma ho pensato: “Caspita è la prima volta che leggo di una donna che “inciampa” così malamente”, soprattutto perché la donna in questione è una figura positiva, che tende alla virtù e non ai vizi.

Al realismo della narrazione contribuisce sicuramente anche i riferimenti precisi al contesto storico, alle problematiche del tempo, agli usi e costumi.

Sara Foti Sciavaliere

Leggi anche…
– S.Foti Sciavaliere, AAA Abito da sposa cercasi – Recensione, in agorart.net, 16 maggio 2018.
– S.Foti Sciavaliere, Una mail di troppo – Recensione, in agorart.net, 29 luglio 2018.
Segreti al profumo di acqua di rose di Amanda Foley e Simona Friio: in preorder per crowdfunding, in agorart.net, 8 ottobre 2018.

Tag:, , , , , , , ,